Ambiente e Territorio > Tematiche > Caccia e fauna selvatica

Caccia e fauna selvatica

Come è disciplinata in Italia la caccia? 

In Italia, la caccia è disciplinata dalla l. 11 febbraio 1992 n.157, "Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio".

Si tratta di una legge-quadro, ai sensi della quale le Regioni con proprie leggi, disciplinano la gestione e tutela della fauna selvatica in conformità alla legge statale, alle convenzioni internazionali e alle direttive comunitarie.

Ai sensi dell’art. 117 della Costituzione italiana, la competenza legislativa in materia di caccia, non essendo espressamente riservata alla legislazione statale, spetta alle regioni. Tuttavia, poiché lo Stato si è riservato la potestà legislativa in tema di tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali, la competenza delle Regioni in materia venatoria è in parte limitato. Le Regioni a statuto speciale hanno, invece, una maggiore autonomia decisionale in quanto esse hanno competenza legislativa in materia di ambiente ed hanno un proprio Corpo forestale differente da quello statale.

Attualmente, è in discussione presso la 13ª Commissione permanente del Senato (Territorio, ambiente, beni ambientali) il disegno di legge di riforma della l.157/92 n. S. 276 "Legge quadro per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio" il cui relatore è il sen. Franco Orsi (v. in Internet http://www.senato.it/leg/16/BGT/Schede/Ddliter/29894.htm). Coldiretti ha espresso in merito, le proprie valutazioni che sono riportate, in questo sito, sotto la voce "documenti", alla pagina http://www.ambienteterritorio.coldiretti.it/tematiche/Caccia-Fauna-Selvatica/Pagine/documenti.aspx

Torna alle F.A.Q.

Licenza Creative Commons
I documenti INTERNI e le pagine di cui si compone questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 Italy. Ogni utilizzo del contenuto al di fuori dei termini di licenza è esplicitamente proibito e perseguibile a norma di legge.