Ambiente e Territorio > Tematiche > Valutazioni ambientali e autorizzazione unica

Valutazioni ambientali e autorizzazione unica

Che cosa e’ l’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA)? 

La disciplina nazionale in materia di AIA è contenuta, oggi, nella parte seconda del d.lgs. n. 152/2006, come successivamente modificato. Tale inserimento è avvenuto ad opera del d.lgs. 128/2010, che, da un lato riproduce le norme precedentemente contenute nel d.lgs. n. 59/2005, ora abrogato, e, dall'altro lato recepisce la direttiva 2008/1/CE, che rappresenta la versione consolidata della precedente direttiva 96/61/CE. Tali norme hano per oggetto la prevenzione e la riduzione integrate dell'inquinamento proveniente dalle attività elencate nell'Allegato I e prevedono le misure intese ad evitare o ridurre le emissioni nell'aria, nell'acqua e nel suolo, per conseguire un livello elevato di protezione dell'ambiente nel suo complesso. Si tratta di disposizioni che si applicano agli impianti nuovi ed a quelli esistenti e regolano l’aggiornamento e la revisione dell’autorizzazione, sia in caso di modifiche sostanziali che in caso di modifiche non sostanziali. Con il rilascio dell’autorizzazione integrata ambientale, l’amministrazione competente, di fatto, certifica che le soluzioni gestionali, impiantistiche e di controllo individuate dal gestore dell’impianto:
• corrispondano effettivamente alle migliori tecniche disponibili;
• rispettino comunque i limiti previsti da normative ambientali di settore;
• siano adeguate allo specifico contesto territoriale e in particolare compatibili con il raggiungimento degli obiettivi di qualità.
Il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare è competente al rilascio dell’autorizzazione per alcune categorie di attività di particolare valenza ambientale e strategica (come, ad esempio, grandi impianti di combustione, acciaierie integrate di prima fusione, raffinerie, grandi impianti chimici), mentre per gli altri impianti le AIA sono rilasciate dalle regioni o dagli organi da esse indicati. Per garantire il rispetto della disciplina comunitaria, anche in relazione al diritto di partecipazione, accesso e ricorso del pubblico, nell'ambito dei tempi previsti per la conduzione delle attività, viene definita una procedura di rilascio di AIA complessa ed articolata. I suoi principali attori sono, in generale, il gestore richiedente, l’autorità competente ed il pubblico.

Torna alle F.A.Q.

Licenza Creative Commons
I documenti INTERNI e le pagine di cui si compone questo sito sono soggetti alla licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.5 Italy. Ogni utilizzo del contenuto al di fuori dei termini di licenza è esplicitamente proibito e perseguibile a norma di legge.